10 Maggio 2021

Vita da UI: cosa significa realizzare social media content?

Chiara Pellizzari
Chiara Pellizzari SOCIAL MEDIA MANAGER

Interviste Graphic design
lucia-intervista
lucia-blog

In cosa consiste il tuo ruolo? Di cosa ti occupi?

 

Il mio ruolo è UI designer, mi occupo del lato grafico di un progetto.

 

Costruire un linguaggio grafico efficace adeguato al target di riferimento e agli obiettivi preposti è il mio lavoro.

Mi occupo in generale di interfacce per piattaforme digitali, ma mi dedico in particolar modo ai social media content.

Quali sono le tue competenze?

 

Nelle mie competenze rientra sicuramente la conoscenza e l’utilizzo di diversi programmi che ho imparato in parte all’università e poi applicato e approfondito direttamente in questi primi anni di lavoro.

 

Per le grafiche che realizzo per i social media utilizzo soprattutto programmi di fotoritocco e grafica vettoriale come Photoshop e Illustrator; per creare animazioni o video mi servo di After Effects, per progettare e sviluppare la veste grafica di interfacce web utilizzo Sketch e Wordpress.

 

Oltre alla conoscenza di questi software ho diverse passioni in campo artistico come l’arte, la pittura e l’architettura che sicuramente hanno contribuito alla mia formazione artistica stimolando il mio sguardo alla ricerca del bello.

Qual è stato il tuo percorso formativo?

 

Ho frequentato il Liceo Artistico Preziosissimo Sangue a Monza, un liceo che ai tempi non prevedeva ancora un piano di studi riformato, ma lo studio di tutte le discipline artistiche durava cinque anni.

 

Successivamente ho studiato Architettura al Politecnico di Milano, ottenendo la laurea triennale, ma in quegli anni ho avuto modo di capire che il mio interesse per la grafica, la composizione dell’immagine, la scelta di colori e stili di rappresentazione mi interessavano e appassionavano molto di più che la pura progettazione architettonica.

Così mi sono lanciata subito in ambito lavorativo alla riscoperta dell’aspetto visivo della comunicazione.

Con quali altri professionisti interagisci in Creeo Studio?

 

I professionisti, con i quali ho sicuramente un maggior scambio di idee e di curiosità, sono i miei colleghi UI e UX designer, con i quali lavoro quotidianamente a stretto contatto, sotto la supervisione dell’Art Director.

 

Uno dei punti di forza di Creeo è un ottimo lavoro di squadra, pur avendo compiti e progetti diversi non manca mai uno scambio di pensieri proficuo con tutti i reparti.

Cosa fai meglio degli altri?

 

Penso di avere un occhio allenato alla creazione e composizione di immagini per i social media.

 

Per me realizzare content è un po’ come dipingere un quadro, cerco sempre di dare la giusta importanza all’utilizzo di luci e ombre per restituire una certa tridimensionalità all’immagine dove serve, o di mettere in pratica una strategia più rigorosa ed essenziale quando la richiesta è un’immediata chiarezza della comunicazione.

Cosa fanno meglio di te i tuoi colleghi?

 

Sicuramente hanno un’esperienza molto più approfondita della mia, alla quale io faccio continuo riferimento nella progettazione di interfacce grafiche e soprattutto in ambito editoriale.

Come riassumeresti in breve lo scopo della tua professione?

 

Rendere armonico e gradevole alla vista ciò che dev’essere soprattutto funzionale per una corretta comunicazione.